ARTEFIERA 2015

01/27/2015

La galleria Marcorossi artecontemporanea dal 23 al 26 gennaio, ha partecipato ad ARTEFIERA con uno stand al Padiglione 25, presentando una selezione di artisti con i quali lavora da molti anni, insieme a una nuova proposta di fotografia.

Gli artisti storici della galleria presenti ad ARTEFIERA erano: Arcangelo, Valerio Berruti, Luca Caccioni, Giosetta Fioroni, Franco Guerzoni, Mirco Marchelli, Paolo Serra, Medhat Shafik e Paolo Ventura, mentre la novità di quest’anno era rappresentata dal fotografo  norvegese Rune Guneriussen.

Arcangelo nasce ad Avellino nel 1956, si diploma all’accademia di Belle Arti di Roma nel 1980 e nel 1981 si trasferisce a Milano, dove vive e lavora tuttora, alternando alla vita milanese viaggi frequenti e lunghi soggiorni nella campagna campana. Apprezzato in Italia e all’estero, l’artista ha lavorato con importanti gallerie e spazi pubblici in Svizzera, Inghilterra, Francia, ma anche in Libano, in Finlandia e in Giappone, così come in Italia. Nello stand era rappresentato d da alcune grandi carte della sua ultima serie intitolata Irpini.

Valerio Berruti  è nato nelle Langhe nel 1977. Pur avendo una carriera internazionale che lo ha portato negli USA, in Giappone, in Corea, in Sud Africa, a Singapore e in molti paesi europei, Berruti è rimasto  fortemente legato alla sua terra dove vive e lavora. Nel 2009 è stato il più giovane artista presentato al Padiglione Italia della Biennale di Venezia, negli anni ha collaborato per le sue opere con scrittori e musicisti quali Andrea Bajani, Lucio Dalla, Paolo Conte e Ryuichi Sakamoto. A Bologna la galleria ha presentato, in una struttura a cubo, isolata, la sua ultima video animazione Fermati, o Sole! con musica di K-Conjog, parte dei disegni che sono serviti a realizzarla e un grande affresco su juta.

Del raffinato artista Luca Caccioni, (Bologna 1962), abbiamo esposto alcune immagini del suo archivio fotografico-pittorico; in contemporanea alla Fiera una mostra dei suoi disegni erotici è esposta alla Otto Gallery di Bologna.

Giosetta Fioroni, ultima grande interprete della stagione Pop italiana, era rappresentata dalla nostra galleria con due preziose carte d’argento dei primi anni Sessanta, esposte e pubblicate sul catalogo della mostra del 2012 al Drawing Center di New York; dell’imponente curriculum dell’artista romana ricordiamo solo l’ultima mostra personale alla GNAM di Roma, lo scorso anno.

Franco Guerzoni, (Modena 1948) del quale si è appena conclusa un’esposizione con opere di Luigi Ghirri alla Triennale di Milano, espone al momento la personale Archeologie senza restauro, a cura di Gianfranco Maraniello, al Mambo di Bologna, mentre in Fiera ha presentato una composizione con i suoi ultimi strappi d’affresco.

Dell’artista piemontese Mirco Marchelli, (Novi ligure 1963) che mescola sapientemente musica e arte visiva, come nella personale del 2013 a Palazzo Fortuny, curata da Paolo Bolpagni, erano esposte alcune opere del ciclo A due voci, ispirate alle 30 variazioni Goldberg di J.S Bach.

Paolo Serra è nato in Romagna nel 1946 e ha vissuto per oltre trent’ anni in Inghilterra; da anni ha intrapreso un’originale e inedita ricerca sulla luce, lo spazio e la forma. Le sue opere astratte, ricche di vibrazioni cromatiche e di profondità, sono frutto di materiali antichi come la lacca orientale, la foglia d’oro, con la sua preziosa luminosità e i rossi tizianeschi derivati dalla cocciniglia. Una selezione di sue opere sarà esposta da fine gennaio fino a metà febbraio 2015 anche allo spazio Chiara Castelli Casa in Piazza Aldrovrandi a Bologna.

Medhat Shafik è nato in Egitto nel 1956. Dal 1976 vive e opera in Italia e lavora con Marcorossi artecontemporanea da diversi anni. Dopo le sue due mostre più recenti a Dubai e a Doha,  a Bologna ha presentato i suoi ultimi lavori su carta e su legno che trascinano in un mondo di immagini e sensazioni a cavallo tra l’Occidente e l’Oriente.

La proposta fotografica della galleria si è estrinsecata attraverso le immagini dal sapore poetico degli artisti Rune Guneriussen e Paolo Ventura.

Rune Guneriussen, nato in Norvegia nel 1977, ha studiato nel Surrey; il suo lavoro si colloca tra l’installazione concettuale, la scultura e la fotografia, creando un intreccio tra la natura e la cultura umana; le sue lampade, i libri o le seggiole di formica, diventano parte dei paesaggi norvegesi, creando un contrasto o viceversa ambientandosi perfettamente nella natura.

Paolo Ventura, nato a Milano nel 1968 e vissuto per molti anni a New York, non fotografa direttamente la realtà ma piccoli set ricostruiti in studio, usando spesso materiale di recupero e se stesso come protagonista, creando paesaggi e personaggi fantastici al limite tra realtà e sogno. A Bologna erano esposte due sue Short Stories, in quella intitolata The Knives Thrower i protagonisti della storia in sette immagini sono lo stesso Paolo Ventura e sua moglie Kim.

Please reload

Copyright © 2018 MARCOROSSI artecontemporanea

general info +39 02 89408401