FRANCO GUERZONI ESPONE AL MAMBO DI BOLOGNA DAL 19 DICEMBRE AL 19 APRILE

10/27/2014

Franco Guerzoni

Archeologie senza restauro

a cura di Gianfranco Maraniello

 

MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna

19 dicembre 2014 – 19 aprile 2015

Opening: giovedì 18 dicembre 2014, h 18.00

 

 

Il MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna dedica a Franco Guerzoni una personale visibile dal 19 dicembre 2014 al 19 aprile 2015 in un'area dedicata negli spazi della Collezione Permanente.

La mostra si focalizza su due momenti del percorso creativo dell'artista: gli esordi e la produzione più recente, presentando una selezione di una quindicina di opere rappresentative di tali fasi.

 

Il percorso si apre con alcuni lavori giovanili, caratterizzati dall'accostamento di immagini fotografiche e oggetti, che evidenziano, all'entrata della sala, il nucleo originario della ricerca di Guerzoni al quale, dopo essersene allontanato per alcuni decenni, l'artista torna ora per scoprirne potenzialità inesplorate.

 

Dall'inizio degli anni Settanta, Franco Guerzoni si dedica al linguaggio fotografico, seguendo un proprio percorso di ricerca sull'immagine e i sistemi di rappresentazione. Si tratta di un periodo in cui gli intensi scambi intellettuali con altri giovani artisti modenesi danno vita a collaborazioni importanti quali quella con Luigi Ghirri. Proprio a quest'ultima è stata dedicata la mostra Nessun luogo. Da nessuna parte - Viaggi randagi con Luigi Ghirri, di recente conclusasi alla Triennale di Milano, che condivide con quella al MAMbo la scelta da parte di Guerzoni di “disoccultare” un immenso archivio di fotografie originali di Ghirri, amico fraterno degli anni giovanili. Si tratta di foto scattate nel corso di una continua e insistente ricognizione comune dei territori della provincia modenese, alla ricerca di suggestioni d'immagine per i lavori di Guerzoni.

Questo patrimonio, rimasto “silenziato” per un lungo periodo, si riaffaccia oggi come un tema  irrisolto, che richiede uno sviluppo nel tempo presente.

 

Guerzoni ha deciso consapevolmente di tornare alle origini della propria ricerca, accettandone le componenti di irresolutezza e di inevitabile dimenticanza per trarne una rinnovata energia propulsiva e l'impronta che appare sui lavori attuali.

Dalla mostra alla Triennale ha dunque preso il via un ciclo di lavori totalmente nuovo, dispiegato come tema centrale al MAMbo, dal quale  emerge il richiamo agli snodi seminali degli esordi e al recente percorso che ne ha preparato il ritrovamento.

 

 

Please reload

Copyright © 2018 MARCOROSSI artecontemporanea

general info +39 02 89408401