SERGI BARNILS
1/2

Sergi Barnils è nato a Bata, capitale della Guinea Equatoriale, nel 1954.

Vive e lavora tra Barcellona e Sant Cugat, Spagna.

Quando nel 1956 il territorio da colonia spagnola diventa una provincia del Golfo di Guinea, la famiglia Barnils ritorna in Catalogna. Fin dalla più giovane età Barnils dimostra una chiara propensione per il disegno e porta avanti con determinazione la propria vocazione pittorica. Pur lavorando nella fabbrica di ceramica paterna, dalla metà degli anni settanta frequenta lo studio del pittore Nolasc Vals e dal 1988 la facoltà di Belle Arti di Barcellona: è in questi anni che il colore inizia ad avere un ruolo di fondamentale importanza per il suo fare arte. Dopo la chiusura della fabbrica di ceramica di famiglia, all’inizio degli anni novanta, Barnils si dedica esclusivamente alla pittura. Nel frattempo il suo linguaggio artistico raggiunge la piena maturità e la sua opera, inizialmente influenzata dalle principali correnti contemporanee, si va precisando in una forma definitivamente personale.

 

Attraverso un segno geometrico che si stempera nell’utilizzo dei colori, protagonisti assoluti della sua pittura, Barnils è giunto, quindi, a condensare nelle proprie immagini, sia pure astratte e dense di graffiti primordiali, le sue più intime riflessioni sulla condizione umana: dalle sue opere, ma soprattutto dai suoi colori gioiosamente festanti, si sprigiona così un intenso sentimento di celebrazione della bellezza della vita, in ogni sua forma e divenire. Dopo la prima mostra personale alla galleria Maravia di Tordera nel 1980, una serie ininterrotta di esposizioni personali e collettive ha portato le sue opere in gallerie e musei della Spagna – a Barcellona, Girona, Maiorca, Saragozza, Logroño e Madrid.

 

Negli anni novanta Barnils ha iniziato a esporre in Germania, Austria, Belgio e Olanda. Le sue opere sono state presentate in Italia per la prima volta nel 1996 a Milano, con una mostra alla galleria Spirale Arte. Nello stesso anno Barnils vince il Premio internazionale di pittura a Tossa de Mar (Girona). Fra le sue esposizioni, si ricordano le mostre personali a Palazzo Racani Arroni di Spoleto nel 2002 (La morada inmutable), Doxologies alla Galleria Maragall di Barcellona; nel 2007 espone a Palazzo Pretorio di Castell’Arquato (PC) e nel 2008 a Clusone, al Museo del Complesso dei Disciplini. Nel 2009 Barnils viene invitato ad allestire una personale al museo di Palazzo Principi di Correggio. Nel 2011 espone in diverse gallerie in Italia e in Spagna, ma gli eventi più significativi dell’anno sono la mostra antologica Envers la Ciutat Esplendent alla Fondazione Caixa Terrassa di Barcellona e la personale Maragda alla galleria Marcorossi artecontemporanea di Milano. Nel 2012 le sue personali si svolgono a Torino e Verona, nel 2015 a Pietrasanta, nel 2016 ad Asiago ed è presente in una serie di rassegne a Firenze, al MACBA di Barcellona e in Australia. Sono del 2017 le personali Maran Ata all’Espai Volart della Fundaciò Vila Casas di Barcellona, e Revelaciò a Palazzo Anguissola Cimafava di Piacenza.

Sergi Barnils was born in 1954 in Bata, the capital city of Equatorial Guinea. 

He lives and works in between Barcelona and Sant Cugat, Spain.

 

The Barnils family returned to Catalunya when what had been a Spanish colony became a province of the Gulf of Guinea in 1956. Sergi Barnils revealed a talent for drawing at a very young age, and pursued his vocation as a painter with great determination. While working in his father’s ceramic factory, from the 1970s, he frequented the studio of painter Nolasc Valls and, from 1988, the School of Fine Arts in Barcelona, and it is at this time that colour began to play a key role in his art. Barnils began painting full-time when the family closed their ceramic factory in the early 1990s. His artistic vocabulary had reached full maturity in the meantime, and his work, initially influenced by the principal currents in contemporary art, began to take on a truly personal form.

 

Through geometric symbols involving use of colour, the keys to his painting, Barnils condensed his most intimate reflections on human nature in his images: his works, and above all his joyously festive colours, give off an intense sentiment of celebration of the beauty of life in all its forms and states. After his first solo show at Maravia Gallery in Tordera in 1980, an uninterrupted series of solo and group shows brought his work to galleries and museums all over Spain: Barcelona, Girona, Majorca, Zaragoza, Logroño and Madrid.

 

In the 1990s Barnils began exhibiting his work in Germany, Austria, Belgium and the Netherlands. His works were first presented in Italy in 1996 with an exhibition at the Spirale Arte Gallery in Milan. In the same year Barnils won the International Painting Prize in Tossa de Mar (Girona). His exhibitions include solo shows at Palazzo Racani Arroni in Spoleto in 2002 (La morada Inmutable), Doxologies at Maragall Gallery in Barcelona; in 2007 he exhibited at Palazzo Pretorio di Castell’Arquato (PC), and in 2008 at Museo del Complesso dei Disciplini in Clusone. In 2009 Barnils was invited to hold a solo show at Museo di Palazzo Principi in Correggio. In 2011 he exhibited in a number of galleries in Italy and Spain, but the most important events of the year were the anthological show Envers la Ciutat Esplendent at Fundacion Caixa Terrassa in Barcelona and the solo show Maragda at Marcorossi artecontemporanea Gallery in Milan. He held solo shows in Turin and Verona in 2012, in Pietrasanta in 2015, and in Asiago in 2016, and his work appeared in several group shows, in Florence, at MACBA in Barcelona and in Australia. In 2017 he held the solo shows Maran Ata at Espai Volart of Fundaciò Vila Casas in Barcelona and Revelaciò at Palazzo Anguissola Cimafava in Piacenza, Italy.

Mostre personali recenti / Recent Solo Shows

10/05/2016

A distanza di cinque anni, il nuovo ciclo di opere dell'artista catalano Sergi Barnils / Five years after the Catalan artist’s last exhibition at the gallery, Sergi Barnils presents his new cycle of works

Milano, Corso Venezia 29

until 15/06/2016

Please reload

Copyright © 2018 MARCOROSSI artecontemporanea

general info +39 02 89408401