• MARCOROSSI

GIOSETTA FIORONI PARTECIPA ALLA MOSTRA VOL(T)O DI DONNA A PALAZZO MONTECITORIO


VO(L)TO DI DONNA

Sala della Regina - Palazzo Montecitorio Camera dei Deputati, Roma 1 dicembre 2016 – 18 gennaio 2017

Tra le macerie e le miserie lasciate dalla dittatura e dalla guerra, non si aggira un fantasma, ma una energia nuova, una forte voglia di ricominciare. Per le donne è iniziata una stagione eccezionale che le porterà, il 10 marzo 1946 quando viene emanato il decreto relativo alle “Norme per l’elezione dei deputati all’Assemblea Costituente”, ad essere finalmente incluse nell’elettorato attivo. Alla Sala della Regina di Palazzo Montecitorio, dal 1 dicembre 2016 al 5 gennaio 2017, Vo(l)to di Donna (promotori la Fondazione Bellisario, la Fondazione Nilde Iotti e Artisticamente, con il contributo di Enel e Banca d’Italia), nata dal progetto di Graziella Falconi e curata da Silvia Pegoraro con Graziella Falconi e Anna Carla Merone, è un tributo alle celebrazioni per i 70 anni del voto alle donne in Italia.

Ospite della Camera dei Deputati, la mostra è dedicata alle donne fino ad allora sempre state sotto la podestà di un maschio, padre o marito, che rischiavano il licenziamento se volevano sposarsi, che a parità di lavoro ricevevano un salario inferiore a quello degli uomini e che anche all'interno della famiglia non godevano di parità. Per loro, che finalmente poterono scrollarsi di dosso moniti e minacce e finalmente scegliere di far rappresentare e vedere realizzati i loro desideri di emancipazione, i loro ideali, le loro aspettative, la mostra prodotta e organizzata da MetaMorfosi presenta un’ottantina di opere divise in tre sezioni che offrono al visitatore una panoramica dell’immaginario delle donne e sulle donne che ha accompagnato la storia italiana del Novecento. Il progetto espositivo si snoda in tre sezioni precedute da un’approfondita introduzione dei fattori socio-politici che portarono al voto delle donne, a cui segue l’esposizione di una rappresentativa selezione di opere d’arte del Novecento. Presenti in mostra molte opere di uomini che fecero della donna l’oggetto della propria arte: Umberto Boccioni, Renato Guttuso, Ardengo Soffici, Giacomo Manzù, Carlo Levi, Pino Pascali, Giovanni Boldini, Tano Festa, Arturo Martini, Giacomo Balla, Piero Pizzi Cannella, Mimmo Rotella, Mario Schifani e Mario Sironi, sono solo alcuni tra gli straordinari autori presenti a Palazzo Montecitorio con le loro creazioni. Alle opere di donne, che con la loro carica innovativa e il potere dirompente della rinnovata vena artistica rinnovarono il panorama artistico del Novecento, è dedicata la seconda sezione: Giosetta Fioroni guida il gruppo al femminile, affiancata da nomi straordinari come Carla Accardi, Paola Gandolfi, Benedetta Cappa Marinelli, Marilù Eustachio, Pippa Bacca e moltissime altre. Il percorso si conclude con una sezione dedicata a sedici artiste straniere di fama internazionale scelte per il valore sia estetico sia socio-politico del loro lavoro. Sono le “nuove italiane” arrivate da Venezuela, Iran, Georgia, Senegal, Libia, Argentina, Ucraina, Sudan, Spagna, Australia, Germania, Tunisia, Cina, Giappone, Stati Uniti d’America, che giorno per giorno si confrontano con il nostro Paese e la sua eredità culturale. Mostra: Vo(l)to di donna sede: Roma, Palazzo Montecitorio, Camera dei Deputati, Sala della Regina apertura: 1 dicembre 2016 – 5 gennaio 2017 inaugurazione: 1 dicembre 2016 ore 12,00 Promozione e organizzazione: MetaMorfosi Promotori: Fondazione Bellisario, Fondazione Nilde Iotti, Artisticamente Sponsor ufficiale: Enel Con il contributo di: Banca d’Italia, Fondazione Guglielmo Giordano, Fondazione Hruby, (Fondazioni Generali), (Regione Lazio), Listone Giordano Sponsor tecnici: Montenovi, Rotas Media partner: (La Repubblica), ArteMagazine

Biografia GIOSETTA FIORONI


366 visualizzazioni

Copyright © 2018 MARCOROSSI artecontemporanea

general info +39 02 89408401

Find us on

  • whatsapp
  • instagram
  • facebook
logo-privategallery.png