mostra passata / past exhibition
milano
OLAF OTTO BECKER
ABOVE ZERO
25 NOVEMBRE 2017 - 27 GENNAIO 2018

CORSO VENEZIA 29, MILANO

|
NOVEMBER 25, 2017 - JANUARY 27, 2017

CORSO VENEZIA 29, MILAN

1/3

Comunicato stampa

 

 

Prima mostra personale del fotografo tedesco Olaf Otto Becker alla MARCOROSSI artecontemporanea di Milano

-------------------------------------

+ INAUGURAZIONE SPECIALE +

alla presenza dell'artista, sabato 25 novembre,

per tutta la giornata dalle ore 11:00 alle 19:30

-------------------------------------

+ APERTURA STRAORDINARIA +

domenica 26 novembre apertura straordinaria

della galleria dalle ore 11:00 alle 19:00

-------------------------------------

MARCOROSSI artecontemporanea è lieta di presentare in anteprima a Milano, e in contemporanea nella galleria di Verona, la mostra personale del fotografo tedesco Olaf Otto Becker, dal titolo Above Zero.

 

Becker è un raffinato viaggiatore la cui abilità risiede nel narrare gli angoli più remoti e selvaggi del globo. In modo particolare documenta le tracce visibili e le conseguenze delle influenze umane nel paesaggio; nelle quali confluiscono complessità di natura: scientifica, politica e artistica, la cui analisi ha valenza ideologica. Dopo le premiate fotografie mozzafiato della costa della Groenlandia, del ciclo Broken Line (2003-2004) Olaf Otto Becker rivolge la sua attenzione all'interno dell'isola, nella sua serie Above Zero, realizzato nel 2007-2008. Questo secondo progetto in Groenlandia diventa un trekking avventuroso negli sconosciuti ghiacci per documentare i percorsi dei fiumi glaciali appena formati.
 
Seconda solo all'Antartide, la Groenlandia ha lo strato di ghiaccio continentale più spesso del mondo. Gli spettacolari ritratti di Becker in questa regione sono catturati con una macchina fotografica di grosso formato portata con sé durante percorsi fisicamente faticosi, a volte pericolosi per la vita tra le crepe glaciali e i flussi innevati. I suoi studi fotografici rivelano la straordinaria bellezza di questo paesaggio e documentano contemporaneamente la sua minaccia esistenziale, perché anche in questa regione completamente disabitata, le influenze umane hanno conseguenze fatali. La polvere e la fuliggine nell'aria sono neri depositi crostosi che, insieme al riscaldamento globale, accelerano la fusione degli strati di ghiaccio, creando risultati catastrofici inevitabili.
 
Un totale di 27 opere a colori, archival pigment prints su carta Hahnemuhle, suddivise tra le due gallerie (tra cui un dittico e due portafoglio di 17 e 18 immagini), documentano il progressivo scioglimento dei ghiacci e la nascita di nuovi flussi di acqua purissima. Ogni scatto, come in un set sperimentale e scientifico, è accompagnato da dati di geolocalizzazione GPS che mappano il percorso di quattro lunghi fiumi glaciali e restituiscono, allo stesso tempo, la natura estrema dell’impresa.

La fotografia di Becker è un ritorno ai fotografi intrepidi del paesaggio del XIX secolo. Come Muybridge, Watkins e O'Sullivan prima di lui, da quasi trent’anni, Becker prende la sua ingombrante camera 8 × 10 pollici e la colloca nella natura più selvaggia, inesplorata e spesso pericolosa, per catturare le sue vere glorie. Le immagini prodotte spesso tendono ad avere un impatto formale e nello stesso tempo profondamente contemplativo e lirico.


Disponibile in mostra l'omonima monografia Above Zero, introdotta da Freddy Langer e pubblicata nel 2009 dall’editore tedesco Hatje Cantz. Il volume è stato nominato per il German Photo-Book Prize nel 2009.

 

Per ulteriori informazioni: T. 02 795483 oppure milano@marcorossiartecontemporanea.com

......................................................................

Press release

 

 

German photographer Olaf Otto Becker’s first solo show, at MARCOROSSI artecontemporanea in Milan

-------------------------------------

+ SPECIAL OPENING DAY +

attended by the artist, all day on Saturday,

November 25 from 11 am to 7 pm

-------------------------------------

+ EXTRA OPENING HOURS +

Sunday, November 26 the gallery

will be open from 11 am to 7 pm

-------------------------------------

MARCOROSSI artecontemporanea is happy to present a special preview in Milan, and simultaneously in its Verona gallery, of the solo show Above Zero by German photographer Olaf Otto Becker.

 

Becker is a refined traveller with a talent for representing the remotest, wildest corners of the globe. He documents the visible traces and consequences of the human influence on landscape, addressing complex scientific, political and artistic issues in his ideological analysis. Following his award-winning photographs of the breath-taking coast of Greenland in the Broken Line cycle (2003-2004), Olaf Otto Becker turns his attention to the inland part of the island in the Above Zero series, taken in 2007-2008. The photographer’s second project in Greenland becomes an adventurous trek over unknown glaciers, documenting the routes of newly formed glacial rivers.
 
Greenland has the world’s thickest layer of continental ice after the Antarctic. Becker’s spectacular portraits of the region are taken with a large camera that he carries with him on his physically exhausting treks over the ice, through the hazards of glacial crevices and snow-covered flows. His photographic studies reveal the amazing beauty of this unique landscape while documenting the threat to its existence, for human actions have fatal consequences even in this entirely uninhabited region. Dust and ash in the air form crusty black deposits which combine with the effects of global warming to accelerate the melting of layers of ice, with inevitably catastrophic results.
 
A total of 27 colour photos, archival pigment prints on Hahnemuhle paper, exhibited in the two galleries (including a diptych and two portfolios of 17 and 18 images), document the progressive melting of the ice and the birth of new flows of ultra-pure water. As in an experimental scientific set, each image is accompanied by GPS geolocalisation data mapping the route of four long glacial rivers and revealing the extreme nature of Becker’s undertaking.

 

Becker’s photography represents a return to the intrepid landscape photography of the 19th century. Like Muybridge, Watkins and O'Sullivan before him, for almost thirty years Becker has been packing his big 8 × 10 inch camera into the earth’s wildest natural environments, unexplored and often hazardous, capturing their true glory. His images often have a formal yet profoundly contemplative and lyrical impact..


Available at the exhibition, the monograph Above Zero, introduced by Freddy Langer and published in 2009 by German publisher Hatje Cantz, was nominated for the 2009 German Photo-Book Prize.

 

For more information: T. 02 795483 or

milano@marcorossiartecontemporanea.com

Copyright © 2018 MARCOROSSI artecontemporanea

general info +39 02 89408401