M
Testo

 

MARCOROSSI
artecontemporanea

 

Matteo Basilé – Hybrida

Torino, 23 febbraio – 31 maggio 2023

Matteo Basilé

Hybrida

23 febbraio – 31 maggio 2023

Torino

Via della Rocca 36, 10123 Torino, TO

Martedì – Sabato 15:00-19:00
Domenica e Lunedì su appuntamento

Per informazioni sulla mostra contattare:

+39 011 8390013

email

Inaugurazione, giovedì 23 febbraio 2023

 

MARCOROSSI artecontemporanea presenta a Torino, in contemporanea con le gallerie di Verona e Milano, Hybrida, la mostra personale di Matteo Basilé, sperimentatore di linguaggi, tra i più quotati innovatori dell’arte contemporanea dalla metà degli anni Novanta e tra i primi in Europa a sperimentare l’ibridazione tra arte e digitale. 

Dopo un’anteprima romana la scorsa primavera, curata da Gianluca Marziani, Basilé espone nelle gallerie Marcorossi i suoi ultimi lavori, realizzati durante e dopo la pandemia, che si articolano in opere fotografiche di vario formato. Vere e proprie pitture digitali, dai fondi crepuscolari di matrice fiamminga, che isolano le figure femminili, in una centralità drammatica alla Rembrandt, ma anche figure inserite in paesaggi evocativi, dall’impianto cinematografico, dove si fondono scultura e architettura, pittura  e  cinema.

I protagonisti delle opere di Basilé, sono “ibridi” dalla bellezza fluida, i costumi teatrali provenienti dalla famosa sartoria Farani di Roma, snaturano i modelli, non professionisti, frutto di incontri nella vita reale e danno vita a un mondo onirico e surreale dove non esistono più riferimenti spazio-temporali.

“Se nella storia antica l’ibridismo fu immaginato fra mondo animale e mondo umano (dalla Sfinge di Giza al mito del fauno), oggi l’ibridismo è fra uomo, tecnologia e biologia, che si tratti di chip sottopelle o microrganismi biologici come i virus.”(cit. Gianluca Marziani)

Gli ibridi di Basilé sono creatori di mondi senza tempo, dove l’uomo nuovo vive dentro a un nuovo Rinascimento, ridefinendo i canoni della bellezza attraverso imperfezioni, macchie di colore, maschere, e abiti.

Per maggiori informazioni sulla mostra